• Dossier sull'outsourcing Articolo tecnico

    Outsourcing: lamiera per architettura, facciate, rivestimenti, ringhiere, ecc.

Inviato da benoit.cantin il Gio 17/06/2021 - 14:54
Contenu
  • Il settore dell'edilizia è caratterizzato da una forte domanda di pezzi in lamiera su misura:

    • sia per elementi decorativi, come ad esempio facciate, ringhiere, rivestimenti, cassette, ecc.

    • sia di pezzi che servono a installare e a rivestire, e in particolare:

    - davanzali, coprimuro, fascette, ecc.- pezzi di rivestimento o di fissaggio per ascensori, montacarichi, scale, ecc.


    Questi tipi di prodotti destinati al settore edile sono spesso richiesti in piccole quantità o su misura, perché si adattano ad usi propri ad ogni immobile. Inoltre in questo settore spesso i tempi rappresentano un vincolo importante.

    I pezzi possono essere piuttosto semplici o molto lavorati (lamiere o rivestimenti decorativi). Le tecnologie di produzione utilizzate sono abbastanza comuni e le difficoltà risiedono essenzialmente negli aspetti legati al rischio di deformazione dei materiali.

    Questo articolo si propone di presentare ai committenti del settore edile un excursus sulle tecnologie di taglio e sul problema della deformazione dei materiali, aspetto da non trascurare per i pezzi per i quali l'estetica gioca un ruolo importante.
     

  • 1- Il taglio dei pezzi

    Cesoia
    Quando i pezzi sono rettangolari basta una cesoia per tagliarli, soprattutto se il pezzo non presenta aperture interne.

    Punzonatrice, macchina combinata laser/punzonatura e punzonatura/cesoia

    La punzonatura è adatta ai pezzi che hanno:

    • aperture interne, rialzi o altre deformazioni, maschiature o addirittura piccole pieghe. Certe punzonatrici sono in effetti munite di attrezzi pensati appositamente per realizzare piccole pieghe, come per esempio sulle piastrine di fissaggio.

    • Il contorno realizzabile tramite punzonatura è limitato. Il design del pezzo dev'essere più semplice di quello dei pezzi tagliati al laser, con poche parti arrotondate o con un arrotondamento non pronunciato. Bisognerebbe realizzarli tramite roditura, ma i tempi si allungherebbero e il risultato sarebbe esteticamente meno soddisfacente che con il taglio laser.

    Lamiera decorativa
    Lamiera decorativa - Copyright LPS

    Le macchine che combinano due tecnologie, come taglio laser/punzonatura, sono interessanti solo se il pezzo ne giustifica l'uso, poiché il costo orario è più importante rispetto ad una macchina 'unica'. Le macchine combinate associano i vantaggi delle due macchine di partenza.t de l'autre.

    La punzonatura genera dei "dentini" che possono richiedere una sbavatura, il che rappresenta un'ulteriore operazione.

    Taglio laser, plasma, ossitaglio, getto d'acqua
    Il taglio laser è probabilmente quello più usato, soprattutto per i pezzi che hanno una funzione decorativa. Il design del pezzo è in effetti completamente libero e si può realizzare praticamente qualsiasi tipo di forma. La qualità della finitura è ottima e la velocità di taglio resta alta. In alcuni casi può essere necessaria una sbavatura. A seconda della materia da tagliare e delle tecnologie, lo spessore tranciabile è limitato a 50 mm.

    Esistono altre tecnologie di taglio applicabili, come il plasma, l'ossitaglio, il taglio a getto d'acqua. che permettono di tagliare materiali con spessori più ingenti e, per quanto riguarda il taglio ad acqua, di trattare quasi tutti i tipi di materiali (ferrosi, composti, plastica, ecc.).

  • 2- la spianatura delle lamiere come rimedio alle deformazioni

    Durante il taglio, indipendentemente dalla macchina usata, i pezzi si deformano. Questo fenomeno ha conseguenze particolarmente nefaste sui pezzi molto lavorati, ovvero che presentano molte aperture interne, o sui pezzi con una larghezza ridotta.

    Glider: parte decorativa per l'edilizia
    Parte decorativa per l'edificio - Copyright LPS

    Michael Boulier, LPS, fa l'esempio delle «ringhiere che vengono realizzate sempre più di frequente col taglio laser invece che con i profili. La larghezza ridotta dei pezzi genera una deformazione importante. Stessa cosa per le lamiere ad uso decorativo, come quelle che si vedono su quegli immobili che hanno un design articolato e numerose aperture. La materia viene indebolita e di conseguenza si deforma molto di più.»


    Il raddrizzamento dei metalli che sono stati deformati dalla punzonatura o dal taglio laser viene realizzato su una spianatrice. Si tratta di una macchina che funziona con dei rulli disposti in maniera alternata che lavorano la materia per sciogliere le tensioni e spianarla. La durata del ciclo è variabile, influenzato soprattutto dalle operazioni di manipolazione.

    Michael Boulier, LPS, aggiunge «che i pezzi devono essere puliti o altrimenti essere stati sottoposti a sbavatura prima della fase di spianatura.»

    Conclusione
    Con questo articolo abbiamo voluto presentare le diverse tecniche e tappe della fabbricazione di pezzi per l'edilizia e l'architettura. Il settore richiede infatti precauzioni particolari in alcuni casi, come per la produzione di pezzi ad uso decorativo, di rivestimento o di finitura. Per alcuni pezzi, la spianatura è per esempio una tappa indispensabile. Se praticamente tutti i subfornitori offrono modi di produzione come il taglio o la piegatura, più frequenti, non tutti propongono la spianatura tra le operazioni disponibili. Di conseguenza, spesso i subfornitori procedono a esternalizzare a loro volta questa tappa, cosa che può generare tempi di produzione più lunghi. Essere coscienti sin dall'inizio del progetto delle tappe necessarie alla fabbricazione dei pezzi permetterà allora al committente e al subfornitore di definire delle scadenze realistiche, con una data di consegna precisa.